Gumanor

Gumanor2.jpgGumanor è il Santo della Politica e dei Commerci. Egli rappresenta la diplomazia, la trattativa, il valore del denaro.
Gumanor è il patrono della razza nanica, dei commercianti e dei legislatori.

Titoli e simbolo

Simbolo_Gumanor.jpgGumanor è anche chiamato Protettore dei Nani, Santo Consigliere o Mediatore. Il suo simbolo è un’ascia bipenne da cui pendono i piatti di una bilancia.

Forma di manifesazione

Gumanor fisicamente è lo stereotipo del nano. Barbuto, tozzo, muscoloso. Ma il suo carattere invece non è burbero come quello tipico dei popoli sotterranei. Egli è un abile diplomatico, sa pesare le parole, è un valido stratega e mediatore.
Le sue vesti sono spesso quelle di un ambasciatore alla corte del Re. Solo quando la battaglia infuria, Gumanor abbandona la strada delle parole per intraprendere con decisione quella della forza, ultima risorsa giustificata dalla ragion politica. Solo allora egli indossa l’armatura nanica ed impugna la sua inseparabile Ascia del Bilancio.

Storia

Gumanor nacque nel 142 P.I. a Dagoth Ur, nell’Ulgoland. Dapprima commerciante di merci con il regno dell’Antica Mallorea, fece presto carriera politica e divenne ambasciatore del Regno dei Nani presso la corte di Re Ludius, il Padre di Surend. Presto Gumanor si distinse per i preziosi consigli e il comportamento esemplare nel suo ruolo di diplomatico. Durante gli anni di servizio presso la corte del Re, allargò la sua rete di conoscenze e contatti, rivelando più volte a Ludius informazioni molto utili per ottenere grandi profitti economici da affari azzeccati. Il rapporto tra Gumanor e Re Ludius divenne qualcosa di più del semplice contatto politico. Gumanor divenne per Ludius un amico affidabile e prezioso. Egli lo volle come consigliere personale, ed il Nano accettò senza esitare.
Quando nel 5 P.I. Ludius morì, Gumanor pianse. Fu l’unica volta che pianse in tutta la sua vita. Il suo compito a Mallorea era terminato.
Ma quando Surend salì al trono, non volle che il Nano se ne andasse, e gli chiese di continuare a svolgere il suo ruolo prezioso. Il Nano per la prima volta fu indeciso, e chiese tempo per riflettere. Alla fine accettò, soprattutto per il legame che ancora lo legava al povero padre del giovane Sire.
Quando Vivec chiamò Surend, Gumanor non si sentì di abbandonare il figlio dell’uomo che lo aveva accolto presso la sua corte come un fratello. Promise di andare con lui e di proteggerlo. Fu durante quel viaggio straziante e pericoloso che si rese conto di quanto Surend fosse simile a suo padre. Da quel momento non si pentì mai della sua scelta e lottò fino alla fine al fianco del Condottiero.
Egli divenne Santo insieme a Surend e agli altri Eroi che ritrovarono il Cuore di Mog, ed ascese nelle città celeste di Even.

Culto

Il culto di Gumanor si basa sulla diplomazia e l’arte della politica, sulla trattativa e sullo scambio materiale per risolvere i problemi che dividono le persone. Il culto prevede il rispetto delle regole e dell’ordine costituito, giusto o sbagliato che sia.
La filosofia della Fede prevede inoltre decisione e fermezza, e nessuna pietà con il nemico.
I Nani festeggiano Gumanor lo Protettore il 7 Novembre di ogni anno. In quell’occasione si tengono grandi festeggiamenti in tutto il Regno dell’Ulgoland.

Clero

Domini: Legge, Terra, Guerra
Arma preferita: Ascia da battaglia
Guida della Fede: Primo Mediatore Hular Bruendin
I sacerdoti di Gumanor sono generalmente Nani, e vengono chiamati “Mediatori”. Tuttavia la sua Fede è diffusa anche nei territori umani, e conta molti chierici diplomatici e ambasciatori.
Il Tempio della Fede principale si trova a Dagoth Ur nelle Camere di Gumanor il Grande.
La Guida della Fede viene chiamata con il titolo di Primo Mediatore.

Gumanor

Dungeon World il_tuo_master il_tuo_master